Home Tags Crisi di coppia

Tag: crisi di coppia

Come fare impazzire un uomo a letto: cibo, video, profumi, giochi e penitenze

Come fare impazzire un uomo a letto: cibo, profumi, giochi e penitenze

Ecco una delle cose che tutte le donne dovrebbero conoscere: come fare impazzire un uomo a letto. Purtroppo, non è sempre alla portata di tutti e bisogna usare dei “trucchetti” per suscitare l’eccitazione nel tuo uomo.

Raramente gli uomini si aprono con le donne dichiarando quello che vorrebbero fare durante il sesso, le cose che li fanno impazzire e quelle che a loro piacerebbe provare, almeno una volta nella vita.

 

Essi non esprimono i loro pensieri perché sono molto più insicuri e timidi di quello che vorrebbero far credere.

 

Dal momento che gli uomini non apriranno mai bocca e che le donne non possono capire tutto quello che c’è da fare a letto per procurare loro piacere semplicemente leggendo “Cinquanta sfumature di grigio”, abbiamo deciso di scrivere una lista di cose che potrebbero esserti utile per capire come fare impazzire un uomo a letto. 

 

Cibo afrodisiaco

Potrebbe sembrare uno stupido cliché, e invece no: è stato ampiamente testato. Cibo e sesso sono due binomi di una combinazione da urlo. Assieme formano una combo che sul maschio riscuote sempre un certo effetto.

Anzi, gli uomini sono proprio portati ad associare le due cose. Tant’è che uno dei luoghi in cui i maschi si sentono più eccitati in assoluto, secondo le statistiche, è la cucina.

Di giochi erotici da fare con il cibo su internet se ne trovano tantissimi e non hanno a che fare con i classici cibi afrodisiaci di cui siamo abituati a sentir parlare. In pratica non devi spendere un mucchio di soldi in ostriche, fragole e champagne per far impazzire il tuo uomo. Basta un po’ di “pane, amore e fantasia”, come ci insegna Sophia Loren.

 

Video 

In rete non mancano di certo i siti da cui poter prendere ispirazione per far impazzire un uomo a letto. I video che potrete trovare vi possono dare ogni genere di riferimento e idea, ma ricordatevi anche che guardare un video insieme, magari scelto con cura in anticipo e che rappresenta i vostri desideri o quelli del vostro uomo, potrebbe essere un ottimo modo per dare il via a una notte indimenticabile.

 

Sex Toys

Il mercato è pieno di questi accessori importantissimi per il divertimento a letto, dove per “divertimento” non intendiamo certamente il ridere a crepapelle, anzi… Esistono dei gadget capaci di fare urlare anche “lui” di estremo piacere e che aiutano certamente a migliorare l’esperienza dell’atto sessuale.

Inoltre, sono degli stimoli importantissimi anche nei casi di un blocco: quando uno dei due non riesce a raggiungere l’eccitazione o ha qualche difficoltà. Questi “toys” possono essere cose accessori, come manette o frustino , oppure dei semplici coadiuvanti, come i lubrificanti.

 

Profumi

Il maschio usa tutti i suoi sensi, quando pratica il sesso con una donna. Questo lo aiuta ad assaporare meglio quel momento e a godere di più.

Ovviamente, una donna saggia che sa questo dovrebbe sfruttare anche i profumi per far impazzire l’olfatto di un uomo. Una delle essenze che, ad esempio, lo fa impazzire di più è quella al profumo di mughetto. 

 

Penitenze

Le penitenze durante il sesso sono un tassello molto importante da non sottovalutare affatto, poiché rappresentano quella “chicca” che, a volte, fa schizzare tra le stelle il rapporto, rendendolo piacevolmente intrigante ed esuberante.

Inoltre, certe penitenze portano la relazione a un livello più intimo e profondo: vuol dire che con l’altra persona si è disposti a fare proprio tutto, pur di soddisfarla. Per fare un esempio, una penitenza potrebbe essere esibirsi in uno striptease.

La relazione di negazione

relazione di negazione sesso trombamico

Può sembrare una contraddizione in termini, eppure molte persone vivono questo modello di relazione secondaria, cioè un tipo si rapporto di coppia insolito come schema messo in pratica.

Può accadere dopo la perdita violenta ed inaspettata di una persona cara, un famigliare o dopo la brusca rottura di una relazione o matrimonio che pensavi durasse per sempre. L’esperienza di essere lasciati dal partner che amavi, in cui confidavi e avevi riposto tutte le tue aspettative di un futuro insieme, che vedevi al tuo fianco per il resto della tua vita è quella che ti fa dire “no, io non mi innamoro più”, come canta una famosa canzone.

La delusione cocente di aver investito completamente i tuoi sentimenti mentre invece il partner non l’ha fatto perché ti molla su due piedi ti spinge a chiudere a chiave i sentimenti e a fissarti l’obbiettivo di non condividerli e metterli in gioco mai più. D’altra parte non te la senti di rimanere single per sempre come condizione di vita e cerchi una relazione di negazione. Dei sentimenti, del partner come compagno e persona, della relazione in sé.

Ti illudi di desiderare solo compagnia e amicizia con un partner che ti vergogni a presentare a famiglia ed amici. Difatti non puoi spiegare che chi ti accompagna è il trombamico quando hai una relazione di negazione fatta di solo sesso. A volte è il rapporto di coppia che vive chi è innamorato di una persona che non corrisponde ai criteri imparati dalla famiglia d’origine, come ad esempio quello di sposare un partner che abbia molti soldi e proprietà, il classico “buon partito”.

Ecco allora che l’attrazione verso una persona squattrinata o che non possiede immobili di famiglia o viene negata e repressa oppure porta ad una relazione in cui uno dei due sta insieme all’altro intanto che non conosce il partner in possesso dei requisiti richiesti. Lo stesso discorso vale anche per la bellezza, lo status sociale e i titoli come ad esempio laurea o specializzazioni. Una relazione di negazione non si evolve in un altro modello di rapporto di coppia principale, perché chi lo vive non vuole rendersi conto di stare in qualche modo usando un’ altra persona. Infatti non ha preso consapevolezza di come si sta comportando anche se dice di non voler ferire nessuno e di non essere veramente in coppia.

Com’è cambiato il rapporto di coppia in questo millennio?

E & M 5

La risposta del Love Coach

“Come fate ad essere sposati da sessant’anni?” “Siamo cresciuti in un’epoca in cui le cose rotte non si buttavano via, si aggiustavano” e da Love Coach aggiungo anche che stavano bene attenti a non romperle, ne avevano molta cura. Anche se non si possono vedere, ascoltare o toccare, i sentimenti come l’amore e l’affetto sono vivi, sono l’ energia di cui si nutre il rapporto di coppia. Focalizzandosi sulla relazione e non sul partner, chi risponde come ho scritto sopra ha alimentato l’amore e l’ha protetto dai “7.5 Killer dell’ amore nella relazione di coppia”, descritti nell’ ebook che trovi e scarichi sul mio sito, rendendo solido e soprattutto felice il proprio rapporto di coppia, degno di durare nel tempo e di essere vita di coppia.

10 ragioni sul perché il Love Coach ti può aiutare a risolvere la tua crisi di coppia

she loves me, she loves me not

Il cambiamento non fa parte della vita, la vita è cambiamento. Ogni essere vivente, quindi anche ogni essere umano, cambia nel tempo, e può capitarti di vedere che il tuo partner, anche se è con te fisicamente, sia distante. Come se tu andassi verso una direzione ed il partner dall’altra, nelle scelte di vita insieme. Ecco allora la crisi di coppia, che da Love Coach vedo sempre come una grande opportunità di crescita positiva.

Ecco dieci ragioni sul perché il Love Coach ti può aiutare a risolvere la tua crisi di coppia rimettendo in sesto la tua relazione.

Tradimento: soluzione alla crisi di coppia?

lui..lei..l'altro!!!

Quando la cura è peggio del malanno

Cary Grant – Operazione sottoveste

Per la mia esperienza di Love Coach, ho trovato che, molto spesso, chi tradisce, non importa se uomo o donna, lo fa proprio spinto dal bisogno di salvare il matrimonio o la relazione di coppia, per quanto possa suonare come un controsenso, di primo acchito.

Non entra in gioco solo la convenienza o comodità di tenere in piedi un impegno preso, ma anche una forma come di rispetto verso se stessi ed il partner, della serie “vedo che tu non mi dai quello che ti chiedo ed io me lo cerco altrove perché non posso farne a meno e così non ci sfiniamo più a litigare cercando di convincerci l’un l’altro.”

A prima vista sembra proprio il modo migliore di smetterla con i litigi, i musi lunghi e le ripicche del tipo “ tu stasera esci con le amiche allora io domani sera vado a giocare a calcetto”.
In altre parole, invece di sbattere la testa sempre contro lo stesso muro cambio strada e vado a vedere di risolvere fuori dalla coppia, anch’io l’ho pensata così tanto tempo fa!

Non è sempre il calo di desiderio ed il sesso, che non è più come i primi tempi, magari è diventato più un’ abitudine che un momento di intimità e crescita della coppia, la spinta a cercare fuori dalla relazione.

Spesso è il bisogno di affetto, attenzione, importanza, comprensione, e soprattutto di stabilità e di essere importante per qualcuno.

 

il matrimonio è una catena talmente pesante che bisogna essere almeno in tre a portarla

Roberto Gervasio

Gli articoli più letti

Articoli recenti