Il miglior modo per renderti conto se stai vivendo al meglio la tua vita è realizzare la tua concezione personale di felicità. Lo sapevi che puoi imparare ad essere più felice e soddisfatto in tutto quello che fai? Ecco come diventare felici…

La felicità nella vita è come un buffet. Se 100 persone andassero a un buffet e mettessero nel proprio  piatto il cibo che preferiscono, ogni piatto sarebbe diverso. Anche per la felicità vale lo stesso concetto: ciascuno di noi ha bisogno di una particolare combinazione di “ingredienti” per raggiungere la felicità e l’autorealizzazione. E questa miscela cambia continuamente con il passare del tempo.

Ogni giorno SOLO TU puoi dire cosa ci vuole per farti felice. La felicità ha le sue cause all’interno di noi stessi prima ancora di essere influenzata dai fattori esterni. Pertanto l’unico modo per giudicare se un lavoro, una relazione, un investimento, o qualsiasi decisione, è giusto per te è quello di entrare in contatto con i tuoi sentimenti e ascoltare il tuo cuore.

Sii sincero con te stesso e segui la tua “voce interiore”. Per diventare la persona migliore che puoi essere devi avere il coraggio e la forza di permettere che la tua propria definizione di felicità, qualunque essa sia, sia il faro che guida ogni area della tua vita.

Mi piace molto questa celebre frase di Martin Luther King:

Se non puoi essere un pino sulla vetta del mondo sii un cespuglio nella valle, ma sii il miglior piccolo cespuglio sulla sponda del ruscello. Sii un cespuglio se non puoi essere un albero. Se non puoi essere una via maestra, sii un sentiero. Se non puoi essere il sole, sii una stella; non con la mole vincerai o fallirai. Cerca ardentemente di scoprire a cosa sei chiamato e poi cerca di essere quello e basta. Ma qualunque cosa tu sia, sii sempre il meglio.

 

Un punto molto importante è che tu MERITI di essere felice. La felicità è un tuo diritto: non è solo per pochi e nemmeno solo per i “meritevoli”. La felicità è per tutti noi, come l’aria che respiriamo. Noi diamo l’aria per scontata: essa non deve essere meritata, è tua: tu ne hai diritto. E’ lo stesso con la felicità. Accetta l’idea che meriti veramente tutta la felicità che puoi raggiungere onestamente attraverso l’applicazione dei tuoi talenti. Quanto più ti piaci e rispetti te stesso, tanto più meritevole ti sentirai delle cose belle della vita. Se ti convincerai di meritare il meglio, aumenterai di molto le probabilità di ottenere e conservare nel tempo la felicità che desideri.

Lavora prima su te stesso: TU sei la persona più importante della tua vita. Voler essere felici e realizzati non significa essere egoisti. Non sentirti in colpa per il fatto che vuoi migliorare prima di tutto te stesso, invece di pensare prima agli altri. D’altra parte se non aiuti prima di tutto te stesso non sarai mai in grado di aiutare gli altri.

Fai della felicità il principio organizzatore della tua vita. Chiediti sempre se le azioni che compi e le decisioni che prendi ti rendono felice o infelice. Regolati di conseguenza in base alle tue risposte.

Paga il prezzo del successo in anticipo: accetta le delusioni intermedie e le difficoltà temporanee pensando che sono necessarie per realizzare una felicità molto più grande nel lungo termine.

Le tre azioni per diventare felici

Ecco ora tre AZIONI che puoi intraprendere ADESSO per mettere in pratica queste idee:

  1. Accetta il fatto che ti meriti tutta la gioia e la felicità che puoi raggiungere grazie ai tuoi sforzi.
  2. Organizza la tua vita intorno alla tua definizione personale di felicità e giudica tutte le situazioni in base a tale standard.
  3. Sii disposto a lavorare duramente su te stesso e a pagare il prezzo per la soddisfazione e le ricompense che desideri. Abituati a “fare un miglio in più” (fare di più di quello che ti viene richiesto) ed il tuo successo sarà assicurato.

 

Concludo con le mie due citazioni preferite riguardo alla felicità:

Non è possibile essere felici e basta, ma si può imparare a fare le cose con gioia. Vivere nella felicità significa prestare attenzione a ciò che si sta facendo e trarne godimento. Non è che improvvisamente succede qualcosa di magico, e… puff! siete felici. Si impara ad essere felici fermandosi ad annusare le rose lungo il sentiero della vita, ma bisogna anche godersi il guardarle, il toccarle, il camminarvi vicino e tutto il resto. Potete imparare a godere di qualsiasi cosa. Potete imparare ad amare, dormire, alzarvi, preparare la colazione e andare a lavoro. Più cose imparate a rendere piacevoli, più la vita si farà gioiosa.

Richard BANDLER, dal libro Vivi la vita che desideri con la PNL

 

La felicità è un modo di interpretare il mondo e i suoi eventi. La felicità è condurre un’esistenza dai VALORI EQUILIBRATI. E’ il saper essere contenti dei propri compiti quotidiani. La felicità è un’esistenza vissuta bene e colma di persone di un certo spessore. La felicità è l’attività che ha uno SCOPO. E’ amore messo in pratica e può essere provata solo nel momento PRESENTE

Jim ROHN, dal libro 7 strategie per la ricchezza e la felicità

Leggi anche quest’altro mio articolo sullo stesso argomento:

Tre domande per una felicità che duri tutta la vita

Raffaele Ciruolo
Felicità di Parrocchia “San Silvestro Papa” Visciano di Calvi , su Flickr