Home Crescita Personale Motivazione Come assumersi rischi in modo intelligente per raggiungere gli obiettivi

Come assumersi rischi in modo intelligente per raggiungere gli obiettivi

Come assumersi rischi in modo intelligente per raggiungere gli obiettivi

La capacità di raggiungere i tuoi obiettivi è fortemente influenzata dai rischi che ti assumi nell’utilizzare strategie in tutte le aree della vita. Ogni volta che ti impegni in un’azione dove il risultato è incerto – e quindi ti avventuri verso l’ignoto – stai rischiando in una certa misura.
Il tuo successo dipende da quanto sei abile e sicuro nel prendere i rischi giusti in maniera intelligente, per i motivi giusti, per realizzare quegli obiettivi che sono davvero appropriati per te.

È un dato di fatto certo che ogni grande balzo in avanti nella vita di una persona inizia rischiando.

Ciò può avvenire solo grazie a una grande fiducia in se stessi. Tutte le persone di successo sono sicure di sé: credono in se stesse e nelle proprie capacità. Quanto più bravo diventerai nell’analizzare e valutare i rischi, per evitare un azzardo eccessivo, tanto più avrai successo.
Ci sono cinque tipi di rischi da considerare:

  1. Il primo tipo è il più semplice: è il rischio che NON devi assumerti.
    È la decisione da non prendere o la scommessa da non fare. Ogni azione ha una conseguenza: pertanto, ogni volta che è possibile, è meglio delegare le questioni troppo incerte.
    Così ridurrai il rischio di perdere tempo e denaro e aumenterai le probabilità di avere successo nel lungo termine.
  2. Il secondo tipo è il rischio non necessario.
    Non agire precipitosamente, senza informazioni sufficienti o senza riflettere attentamente in anticipo. Peter Drucker (1909-2005) ha detto: “L’azione senza pensiero è la causa di ogni fallimento”.
  3. Il terzo tipo è il rischio che puoi permetterti di correre.
    Per esempio, contattare nuovi potenziali clienti, esplorare nuove opportunità, provare un nuovo ristorante, oppure uscire con un nuovo possibile partner: sono rischi che si possono correre. In questi casi, il costo di un eventuale fallimento è molto basso (il lato negativo è limitato), mentre i frutti del successo potrebbero essere molto grandi.
  4. Il quarto tipo è il rischio che NON puoi permetterti di correre.
    In questo caso le conseguenze negative di eventuali errori sarebbero troppo pericolose. Non puoi permetterti di perdere la tua azienda o tutto il tuo patrimonio per colpa di rischiose speculazioni di qualunque tipo. Non devi impegnare tutte le tue risorse in un unico progetto e basare tutto solo su questo.
    Nel mondo degli investimenti finanziari si sottolinea sempre l’importanza di ripartire i rischi, sapendo “differenziare” in modo oculato. Uno dei modi migliori per ridurre al minimo i rischi è sviluppare valide alternative a ciò che si sta facendo attualmente.
    Quante più alternative hai, tanto minori sono i pericoli, e tanto più elevate sono le probabilità di raggiungere i tuoi obiettivi e di avere successo.
  5. Il quinto tipo è il rischio che non puoi permetterti di NON prendere.
    Il lato negativo potrebbe essere fastidioso, ma gli aspetti positivi sono così entusiasmanti che vale davvero la pena di rischiare per ottenere vantaggi enormi. Se hai la possibilità di trasferirti nella sede principale della tua azienda, è certamente un rischio allontanarti dal tuo attuale posto sicuro, ma è un rischio che non puoi permetterti di non prendere per raggiungere gli obiettivi che hai impostato per la tua carriera. Se la prospettiva positiva si materializza, farà una grande differenza per te.

In conclusione, ti invito a imparare a correre rischi in maniera intelligente, senza paura (ma anche senza eccessivi azzardi): poi analizza attentamente quello che è successo.
Così potrai pianificare efficacemente, preparandoti a massimizzare le opportunità, riducendo al minimo i rischi. La tua capacità di assumerti rischi calcolati, con fiducia e nella direzione dei tuoi obiettivi, ti porterà verso il successo desiderato.

Un caro saluto.

Immagine: “Tumbling Creek di Dave Triomphe, su Flickr”.