Home Salute Fitness Miti da sfatare sugli addominali

Miti da sfatare sugli addominali

Miti da sfatare sugli addominali

In questo articolo ti parlerò di un argomento che interesserà alla maggior parte della gente, ma in maniera particolare al pubblico femminile.

So già a cosa stai pensando! ADDOMINALI?

Ho indovinato?

Bene, allora devi sapere che la maggior parte delle persone che non ha un minimo di fondamentali riguardo al fitness (ma soprattutto di come funziona l’organismo umano) rimarrà sempre fermo ai falsi miti che da decenni creano solo confusione e… delusione. Ti chiederai perché voglio scendere nel tecnico, quando a te basta sapere cosa devi fare per ottenere i tuoi obbiettivi.

In effetti non hai torto se te lo sei chiesto.

Ma quando fai qualcosa, qualunque cosa sia, non è meglio sapere che cosa fai e cosa si innesca nel tuo corpo perché avvenga tutto ciò?

Quando sei consapevole di quello che fai alzi del 30% la riuscita del tuo progetto, qualunque esso sia, quindi credo tu abbia capito cosa ti voglio trasmettere.

Partiamo con gli addominali e facciamo subito una considerazione: il movimento globale (cioè lavorare tutti i distretti muscolari) attiva il processo di dimagrimento.

Mi spiego meglio..

Non è che facendo solo i fantomatici addominali vai a dimagrire l’addome.

Ricorda che il tessuto adiposo nelle parti della pancia, dei fianchi, dei glutei, è sempre l’ultimo a togliere il disturbo.

Quindi non voglio disilluderti, ma quando ti spiegherò nel dettaglio il motivo di tutto ciò capirai che l’ignoranza non perdona.

Se io ti do un programma da seguire, tu devi chiedermi perché devi – o non devi – fare quel tipo di movimento o seguire quel tipo di alimentazione. Solo cosi otterrai più di quello che ti aspetti.

Un bravo medico non ti dirà mai di fare una cura senza spiegarti nient’altro. Innanzitutto ti spiegherà, nel limite del possibile, da quale patologia sei stata colpita, e di conseguenza come la devi curare e come agisce un farmaco invece che un altro.

Io lo pretendo, e lo stesso lo devi pretendere tu, qualunque problema tu abbia.

Quindi per il momento ti lascio metabolizzare quello che in queste poche righe ti ho lasciato, e ti rimando alla prossima lezione, dove ti parlerò delle fonti energetiche e della differenza che c’è tra attività aerobica e attività anaerobica.

E quindi, come ti avevo promesso nell’articolo precedente, affronteremo il tema della bilancia.

C’è un’abissale differenza tra perdere peso in maniera equilibrata e sana e perdere peso in maniera sbagliata.

Dobbiamo capire la differenza tra perdere tessuto adiposo e perdere tessuto magro.

Qual è la strada giusta per dimagrire in maniera sana rispettando la tua salute?

Vuoi sapere la differenza che esiste tra il movimento aerobico e il movimento anaerobico? Farò delle considerazioni importanti sul nostro metabolismo basale, che non è altro che la quantità di calorie che il nostro corpo consuma in uno stato di assoluto riposo.

Ok! Ti saluto e ci sentiamo con il prossimo articolo dove affronteremo delle tematiche con l’obbiettivo di darti tutte le risposte che non hai mai avuto.

Ti auguro una bellissima giornata. A presto!

Andrea Miotto

P.S. Se hai qualche domanda nel frattempo, fammelo sapere e ti risponderò al più presto.

 

 

Andrea Miotto e sono titolare di un centro Fitness.

Mi occupo della parte Gestionale, Marketing  coordinando tutta la parte commerciale.

La mia strada è sempre stata segnata dalla mia più grande passione “IL FITNESS” e tutto quello che riguarda la salute il benessere fisico e mentale.

C.F.M Certified Fitness Manager  e Personal Trainer rilasciato da ISSA Italia che è la scuola leader nelle Certificazioni del settore Fitness.

Dal 1987 migliaia di appassionati e professionisti si formano e si aggiornano attraverso ISSA ITALIA, garanzia di unicità e scientificità.

Il mio motto è “ Movimento è Vita” e ho una gran voglia di trasmettere coinvolgere indirizzare tutte le persone con cui vengo a contatto.

Autore del blog  http://www.palestratempolibero.nethttp://www.fitnesspersempre.com

Ti auguro un bellissimo futuro
Andrea