Home Salute Prevenzione Prendere esempio dagli anziani, o meglio dai super anziani

Prendere esempio dagli anziani, o meglio dai super anziani

Prendere esempio dagli anziani, o meglio dai super anziani
La piramide della salute

Non siamo propriamente come il Giappone o alcune tribù africane, dove gli anziani sono considerati i detentori della cultura e delle tradizioni. Possiamo interrogarci sugli aspetti sociologici e capire il perché ma rimane evidente che da una certa età gli anziani sembrano perdere l’autorità e la credibilità per dirci cosa è giusto e cosa non lo sia.

Tuttavia, oggi con questo breve articolo ti spiego perché sia necessario prendere a modello gli anziani e riguardo a cosa.

Molte persone, tra cui ahime anche medici, dicono cosa fare per star bene, ma poi conducono una vita sregolata, mangiano male, fumano, bevono superalcolici ecc.

Sono queste le persone a cui dobbiamo credere?

Non so a te, ma per me il proverbio “predica bene e razzola male” è molto significativo. I grandi della storia, da Gesù a Madre Teresa, ci hanno insegnato che non è sufficiente predicare, ma è necessario dare un esempio concreto.

Dunque se aspiri a vivere a lungo e in salute, devi prendere esempio da qualcuno che è vissuto a lungo a sufficienza da poterti ispirare.

Nel mondo ci sono stati solo 800 supercentenari, persone che raggiungono i 110 anni di vita e solo 1 su 15 dei supercentenari arriva a 114 anni.

Le informazioni sono tratte dal Libro Energy di Roberto Re e Roy Martina, ma si possono trovare anche in un video molto esaustivo pubblicato su TED di Dan Butter, eploratore e scrittore del Natural Geographic .

Dan Butter conferma che la nostra longevità dipende da due fattori: fattori genetici e stile di vita.

Nel suo speech egli afferma che con tanti modelli è difficile scegliere a chi credere ma continuando dice che nel mondo ci sono 4 aree dove la longevità è più alta.

2 Miti da sfatare

MITO 1: Se ti impegni puoi vivere a lungo

Falso: 1 americano su 5000 arriva a 100 anni. Il problema è che non siamo programmati per vivere a lungo (spiego dopo perchè)

 

Mito 2: Ci sono dei trattamenti che possono rallentare l’invecchiamento

Falso: nel nostro corpo abbiamo 35000 miliardi di cellule, che ogni 8 anni si sostituiscono con altre. Ogni volta però avviene qualche danno. È un po’ come quando ai tempi delle cassette, facevamo copie che passavamo in giro. A un certo livello della catena, l’audio della cassetta era davvero di bassa qualità.

La cosa migliore che si possa fare è concentrarsi e prendere esempio da quelle popolazioni che vivono a lungo.

 

Dove si vive più a lungo nel mondo

Ci sono 4 posti nel mondo, dove le persone vivono più a lungo. Sono definite da Dan come Zone Blu (Blue Zone)

  • Loma (California)
  • Costa Rica
  • Sardegna (qui in Italia)
  • Okinawa (Giappone)

 

Dove si vive di più in Italia

Troviamo una zona blue, vicino all’area di Nuoro in Sardegna dove troviamo 10 volte il numero di centenari che ci sono in America e questa è una zona dove gli anziani dimostrano una straordinaria forza.

 

Centenari che vanno in motorino, spaccano legna, battono giovani a braccio di ferro 🙂

Hanno una dieta basata principalmente sulle verdure, pane non lievitato, chiamato carta musica fatto con grano duro, un formaggio altissimo di Omega-3, e il Cannonau,  un vino che ha 3 volte il livello di polifenoli contenuti negli altri vini. Ma la cosa più importante, prosegue Dan Buettner, è che hanno un organizzazione sociale che mette al centro gli anziani.

La seconda zona blue è trovata nei pressi di Okinawa, in Giappone dove la popolazione, soprattutto femminile, ha un’aspettativa alta di vita. Loro vivono a lungo, si addormentano velocemente e dimostrano solo 1/5 delle malattie quali cancro al seno e al colon.

Hanno una dieta basata su verdure e mangiano 8 volte la quantità di tofu che viene mangiata dagli americani. Ma soprattutto mangiano meno usando piatti più piccoli. Come in Sardegna, anche in Giappone, gli anziani hanno un posto d’onore e hanno moltissimi amici, cosa che li rende meno inclini a soffrire di solitudine.

IKIGAI, lo scopo della vita

“Qual è lo scopo della tua esistenza?”, chiedeva Dan a gli ultra centenari. Per tutti era l’assoluta necessita di doversi alzare al mattino per fare qualcosa.

Un’altra zona blue è stata trovata in California. Le persone che vivevano di più avevano una dieta basata su ciò che era indicato sulla Bibbia: Genesi capitolo 1 versetto 29 dove si parla di legumi, semi e piante verdi.

Le persone qui, hanno abitudini vincenti. (Vediamo ancora una volta quanto le abitudini siano fondamentali regolatrici di tutta la nostra esistenza e del nostro successo personale)

Ellsworth Whaream, è un multimilionario di 97anni. Quando un’azienda costruttrice gli chiese 6000 euro per fare una recinzione, gli ha risposto che se la poteva fare da solo gratuitamente.

Così per 3 giorni si mise a lavorare impastando cemento e piantando pali tutt’attorno e il 4 giorno finì in una sala operatoria come probabilmente era ipotizzabile, ma ci finì in qualità di chirurgo per svolgere una operazione a cuore aperto!  🙂

All’età di 97 anni esegue 20 operazioni a cuore aperto al mese!

Ed Rawlings, 103 anni un cowboy che inizia la sua giornata con una nuotata e pratica di tanto in tanto sci nautico,

 

La ricetta della longevità

Dai suoi studi per il National Geographic, Dan Buettner, concluse che:

  1. Nessun individuo faceva esercizio fisico sportivo, ma tutti avevano impostato la propria vita con attività che necessitavano di movimento fisico. Considera che in Giappone sono seduti per terra e si alzano e si siedono almeno 40 volte al giorno.
  2. Hanno tutti uno scopo nella vita e hanno vita spirituale
  3. Mangiano meno, mangiano a base di verdura, semi e legumi e bevono vino (rosso)
  4. Amano i propri figli, vivono in comunità circondandosi delle persone giuste. Sei tuoi 3 migliori amici sono obesi, ci saranno alte opportunità che anche tu sia obeso.
..appassionato di psicologia, studioso di media digitali e nuove tecnologie. Ho creato questo blog unicamente per aiutarmi ad imprimere al meglio i buoni insegnamenti che imparo durante le poche ore di lettura che mi concedo. Se ti piace leggere, ruba tutto ciò che vuoi da questo blog e condividilo con le persone a cui vuoi bene. Se ti piace migliorarti unisciti a noi!